Notizie, Video

I migranti occupano la sua casa abusivamente. La reazione del proprietario è INCREDIBILE!

Trovare la propria abitazione occupata da persone che se ne sono impossessati in modo illegale, dev’essere una bella batosta. Si fanno sacrifici per comprare una casa o un box, e vederla occupata da persone in modo abusivo di certo è degradante e devastante. Questa batosta può comportare anche reazioni altrettanto forti. Per qualche strano motivo, la legge non tutela queste persone. Con il fenomeno dell’immigrazione e dell’aumento della povertà, che negli ultimi anni è diventata una piaga, l’abusivismo è diventato pane quotidiano.

È chiaro che anche queste persone sono mosse dalla disperazione e dalla fame, ma sicuramente questo non giustifica le loro azioni illegali. Il proprietario dell’abitazione occupata, decide di fare qualcosa che in pochi avrebbero il coraggio di fare: chiama i carabinieri e poi con le sue chiavi apre il box auto della sua abitazione, occupato abusivamente e butta fuori tutta la merce che le persone nel suo appartamento hanno accumulato. Probabilmente si tratta anche di merce rubata. I poliziotti provano a calmare l’uomo evidentemente e giustamente agitato. È assurdo come queste cose siano pane quotidiano per gli italiani che non possono fare altro che stare zitti e aspettare che il governo faccia qualcosa per rimettere un po’ d’ordine.


La sera in cui sono tornato a riprendermi il… di videovirali

CONDIVIDI questo articolo e fallo vedere a tutti. Se ti va puoi lasciarci un commento con le tue opinioni e i tuoi pensieri, cosa ne pensi? Su La pannocchia imbarazzante puoi trovare tantissime foto e tantissimi video interessanti e divertenti sempre aggiornati, ti basta visitare le varie categorie che puoi trovare sul sito o puoi andare semplicemente a guardare i video consigliati o i più condivisi. Ti ringraziamo per la tua visita, e ti invitiamo a venirci a trovare di nuovo. Rimani sempre aggiornato sui nostri video. Ogni giorno ne puoi trovare di nuovi ed interessantissimi. Seguici anche sulla nostra PAGINA FACEBOOK

(Visited 981 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *